Ambienti artificiali - la roggia

È un canale d’acqua a scopo perlopiù irriguo caratterizzato spesso da sponde incise, lunghi tratti rettilinei e profondità  costante dei fondali. Può avere origine da acque di risorgiva o di derivazione. La temperatura delle rogge è generalmente compresa tra 12 e 24°C. Il fondo è costituito da ghiaia, sabbia e limo/argilla; a volte sono presenti anche ciottoli. La roggia può andare incontro ad asciutte invernali o solamente a variazioni di portata dovute all’utilizzo a scopo irriguo. Sono
necessarie periodiche operazioni di pulizia della vegetazione acquatica in eccesso.

   

         Invaso dove scorre l’acqua di una             Chiusa regolatrice di una roggia 

          roggia in mezzo a campi coltivati

EGETAZIONE
Elodea canadensis, Ranunculus uitans, Callitriche obtusangola e Potamogeton spp. sono le piante acquatiche più diffuse nelle rogge.
Presso le rive si possono trovare Apium nodiorum e Nasturtium ofcinale. La vegetazione lungo le rive è costituita, oltre che da specie erbacee, anche
da arbusti (rovi, sambuchi) e alberi come robinie, salici, ontani.

Nasturtium officinale    Robinia

Nasturtium officinale                                     Robinia, pianta terrestre

                                                                            americana infestante

 PESCI
Diverse specie ittiche trovano qui condizioni ideali di vita. Ghiozzi, vaironi, cobiti, cavedani, triotti e alborelle sono le specie ittiche che popolano più frequentemente le rogge. È facile incontrare anche anguille, gobioni, lamprede, barbi, persici e scardole.

 ALCUNE SPECIE PRESENTI IN QUESTO AMBIENTE

Cobitis taenia   Leuciscus souffia

Cobite comune                                                       Vairone
Padogobius martensii   Ranunculus fluitans
 Ghiozzo padano                                  Ranuncolo fluitante

 Elodea canadensis

 Peste d’acqua comune