Home arrow Visita l'Acquario arrow Dai monti al mare arrow Il percorso dell'acqua arrow Torrente montano - zona trote (epirhithron)
Torrente montano - zona trote (epirhithron) PDF Stampa E-mail
Indice articolo
Torrente montano - zona trote (epirhithron)
Pagina 2
 

Vegetazione

Le piante acquatiche superiori sono rare a causa della corrente cheimpedisce loro di radicarsi al fondo. Le alghe e i muschi acquatici come Fontinalis antipyretica si ancorano tenacemente a rocce o ad altri substrati duri. La vegetazione lungo le rive è costituita soprattutto da bassi cespugli d erbe.

Pesci
La trota fario è un vorace predatore con un corpo idrodinamico e una potente muscolatura che le consentono di muoversi anche contro corrente. Di solito questa specie condivide lo stesso tratto del corso d’acqua con lo scazzone e la sanguinerola. 

 
 Salmo (trutta) trutta

Trota fario
 

 Altri organismi

Le specie che vivono in questo ambiente si posizionano frequentemente sotto i sassi e hanno caratteristiche morfologiche che ne consentono la vita in presenza di elevata corrente. Le piccole dimensioni e un corpo piatto (planarie, larve di insetti) permettono loro di restare protette fra le fessure, le appendici uncinate servono ad ancorarsi alle rocce, i gusci protettivi appesantiscono il corpo impedendo loro di essere trascinate via dalla corrente (Tricotteri), gli organi adesivi permettono di aderire tenacemente al substrato (Ancylus Fluviatilis).

 
 Larve di Tricotteri  
Larve di Tricotteri 

Alcune specie presenti in questo ambiente


 Ancillius Fluviatilis
Ancylus Fuviatilis
 

 Fontinalis antipyretica 
Muschio delle acque correnti

 

Sanguinerola, scazzone e vairone

Possono convivere nei laghi alpini e nel tratto superiore dei torrenti montani dove spesso sono associati alla trota, in presenza di acque correnti, limpide e ricche di ossigeno


Letto del Torrente Masino
 


Piccola lanca del Torrente Masino
 


Vegetazione riparia del Torrente Masino

 

Abitudini della sanguinerola

(Phoxinus phoxinus) Specie gregaria, si nasconde spesso tra le rocce o nella vegetazione in prossimità delle rive e si nutre di piccoli invertebrati e frammenti di vegetali. Durante il periodo riproduttivo, nel maschio, il ventre e la base delle pinne inferiori si colorano di rosso vermiglio, la parte dorsale diventa molto scura e i fianchi mostrano riflessi che tendono al verde o al blu. La femmina, il cui ventre può diventare rosso, depone le uova in acqua bassa su un fondo sabbioso o ciottoloso.

 Phoxinus phoxinus
Sanguinerola 

Abitudini dello scazzone
È un pesce di fondo che caccia al crepuscolo e durante la notte, mentre di giorno resta nascosto sotto i sassi o tra la vegetazione acquatica. Si nutre di piccoli invertebrati come crostacei, larve di insetti, vermi ma non disdegna anche uova di pesci e avannotti. Nel periodo riproduttivo i maschi assumono una colorazione più scura e preparano un nido sotto un sasso dove attirano più femmine che vi depongono centinaia di uova. È il maschio che custodisce e difende le uova, anche se talvolta si ciba di una parte di esse

 Cottus Gobio
Scazzone

Abitudini del vairone (Leuciscus Souffia)
Specie gregaria, si nutre di vegetali e piccoli invertebrati che ricerca prevalentemente sul fondo. Raggiunge la maturità sessuale a 2-3 anni e si riproduce in primavera. Durante il periodo riproduttivo il maschio presenta tubercoli nuziali sulla testa e sulle pinne pettorali. Essendo una specie molto sensibile alla qualità dell’acqua, la sua presenza è sempre più rara.

 

 Leuciscus souffia
Vairone



 
Pros. >